Pubblicato il

Un cardigan per tutti

Ho chiesto e ottenuto il permesso di tradurre il pattern di questo cardigan, semplice e lineare, adatto anche alle principianti.

100_4780_medium2

 

 

L’autrice si chiama Barbara Micheli, ma a dispetto del nome vive in Germania e parla tedesco.
Il cardigan proposto nella foto è realizzato in grigio-antracite con i bordi in verde, ma voi potete realizzarlo naturalmente anche in altri colori. Grigio con i bordi rossi, blu con bordi bianchi, grigio con bordi bianchi, ecc. Lascio alla vostra fantasia l’abbinamento che più vi piace.

Come detto è un modello facile, tutto a legaccio, unica attenzione dovete prestarla nell’incrociare i fili nel cambio di colore dei bordi, per non lasciare buchi.
Qui la taglia è data per 8 / 9 anni. Per taglie più piccole o più grandi dovrete fare un po’ di calcoli voi.

Materiale occorrente:

500 gr. Linea Pura Latte colore 008 antracite di Lana Grossa, m. 110 / 50 gr.
50 gr. Linea Pura Organico colore 036 verde di Lana Grossa, m. 90 / 50 gr.
(o un altro filato similare che vi consenta di realizzare il campione dato)
ferri circolari no. 4,5 con cavo da 60 cm. di lunghezza (si lavora avanti e indietro)
Campione:
19 m. x 38 r. = 10 cm.
Difficoltà: Y facile, per principianti
Punti impiegati: legaccio (sempre a diritto)

Esecuzione:
Dietro:

Montare 80 m. con Linea Pura Organico (verde) e lavorare a legaccio per 10 righe (3 cm.)
Al ferro 11 proseguire con il filato Linea Pura Latte (antracite) e lavorare sempre a legaccio fino ad avere 45 cm. (172 ferri).
Al ferro 173 per lo scollo sul dietro chiudere le 20 m. centrali e proseguire separatamente i due lati, intrecciando 2 v. 1 m. da ogni lato dello scollo. Arrivati al ferro 179 chiudere tutte le restanti 28 m. in una volta.

Davanti destro:

Montare 48 m. con il colore verde (Linea Pura Organico) e lavorare per 10 righe (3 cm.) a legaccio.
Al ferro 11 lavorare ancora 6 m. per la fascia dei bottoni in verde, e inserire in seguito il filato antracite (Linea Pura Latte) e proseguire per tutto il ferro (42 m.) con questo colore.
Prestare attenzione di incrociare bene i fili sul dietro per non lasciare buchi nel cambio di colore.
Lavorare fino al ferro 162.
Al ferro 163 si iniziano le diminuzioni per lo scollo. Ogni due ferri diminuire 1×8, 1×5, 1×3, 1×2 e 2×1 m. e proseguire fino al f. 178 sempre diritto.
Al f. 179 chiudere tutte le restanti 28 m.

Davanti sinistro:

Il lato sinistro si lavora come il destro. Montare quindi 48 m. con il filato verde, e lavorare a legaccio.
Al f. 5 fare il primo occhiello in questo modo:
2m. dir., chiudere 2 m., proseguire diritto fino alla fine del ferro. Al ritorno montare 2m. nuove e finire il ferro.
Continuare per 10 ferri in totale.
Al f. 11 proseguire in grigio antracite, mantenendo in verde le prime 6 m. per la fascia di chiusura.
Gli occhielli si eseguono ai ferri no. 31, 57, 83, 109, 135, 161.
Proseguire fino al ferro 163, e iniziare le diminuzioni per lo scollo come per la parte destra e cioè:
diminuire ogni due ferri 1×8, 1×5, 1×3, 1×2 e 2×1 m.
Proseguire fino al ferro 178 e al ferro successivo chiudere tutte le maglie restanti.

Maniche:

Montare 40 m. con il filato antracite, e lavorare a legaccio. Aumentare da entrambi i lati ogni 10 righe 1 m. fino ad avere 62 m. Proseguire fino al f. 160 circa e chiudere tutte le maglie in una volta sola.

Finiture:

Cucire le spalle e i fianchi del dietro e del davanti, attaccare le maniche. Cucire i bottoni in corrispondenza degli occhielli.

Misure finite: (per questa taglia)

Dietro: cm. 41 larghezza, cm. 47 altezza
Metà davanti: cm. 25 larghezza, cm. 47 altezza
Maniche: lunghezza cm. 34, giro polso cm. 21, giro ascella cm. 34

 

Buon lavoro!

Condividi se ti piace
Pubblicato il

Delizioso e particolare

DSC08297_medium2

Sono rimasta affascinata di fronte a questo meraviglioso cardigan trovato su Raverly. L’autrice è una francese di nome Carole Francone  ed è in vendita su Raverly per 5 euro, in inglese e francese. Non dovrebbe quindi essere troppo difficile comprenderlo anche per le italiane che non sanno l’inglese.

Quello che mi ha colpito sono i particolari così curati del modello, come l’elaborato “ricamo”

DSC08299_medium2

che continua sul dorso ma solo in basso, sotto alla linea della vita

DSC08294_medium2

e la finezza del decoro sulle maniche

DSC08295_medium2

che finisce con un triangolo che “allarga” il polso

DSC08301_medium2

Tutti particolari che denotano lo studio che c’è dietro la creazione di un modello. In questi casi si paga volentieri il pattern!

Che è dato per un livello medio di capacità, e nelle taglie dalla 34/36 fino alla 50/52. Quello della foto è realizzato con un filato di cotone e lino di Phildar, ma nessuno ci vieta di realizzarlo anche in lana.
Il corpo e le maniche sono realizzate senza cuciture, partendo dall’alto verso il basso in avanti e indietro sul ferro. Le parti elaborate sono realizzate a parte e assemblate al resto in seguito.

Trovo questo modello veramente particolare e bello, e non dovrebbe essere nemmeno troppo difficile da realizzare.

 

 

Condividi se ti piace
Pubblicato il

Un giacchino vezzoso

E’ questo di Katherine Foster (tradotto in italiano da Barbara Ajroldi)

faye_s_choice_medium2

E’ lavorato in un pezzo solo, da basso fino agli scalfi, e le maniche sono aggiunte mantenendo le raglan e lo sprone. Sembra complicato, ma è spiegato molto bene nelle istruzioni, che dovete seguire passo passo.

Il tutto è decorato da questo bordo a volants che lo rende vezzoso, adatto ad una bambina. Se lo volete fare per un maschietto, evitate i volants e invertire l’abbotonatura.

faye_s_choie_alt_medium2

SPIEGAZIONI (di Barbara Ajroldi – tricotting.com)

Taglie:1-2–3 anni
Circ busto :59 – 64 – 69 cm
Ferri: 4 mm, diritti e anche a doppia punto (per le maniche in tondo)
Filato*: circa 400m (600m, 800m) di filato di tipo DK
Campione:22me 41fx10x10cm alegaccio
4 bottoni di diametro 2 cm
Volant: per i volant prevedere circa 150 – (160- 175) m di filato sottile tipo quello per le calze, (campione circa 28 m in 10 cm) e ferri 3,25 mm sia dritti che a doppia punta (per le maniche in tondo)
* Tipo di filato: le quantità di filato sono approssimate per lunghezza (metri) piuttosto che per numero di gomitoli da 50g perché la lunghezza di filato DK varia notevolmente a seconda del contenuto di fibre.

Corpo:
Avviare 134 (146, 156) m, 22 (20, 20) ferri a dir.
Prossimo ferro (asola) = 2 dir, 2ins, gett, gett, 2 ins, dir fino alla fine del ferro (nel ferro di ritorno lavorare il primo gettato prendendo il filo dal davanti, il secondo gettato prendendo il filo da dietro)
Continuare a legaccio per 19 (23, 27) ferri.
Ripetere gli ultimi 20 (24 – 28) ferri ancora una volta
Ripetere ancora una volta il ferro dell’asola, quindi continuare a legaccio per 15 (17 – 17) ferri, terminando con un ferro sul rov del lavoro.

Maniche:
Avviare 37 (39, 41) m, unire in tondo il lavoro inserendo un marcatore per segnare l’inizio del giro.
Lavorare a legaccio, aumentando 1 m all’inizio e alla fine del giro 5, di seguito continuare con questi aumenti ogni 8 (10 – 10) giri, fino ad avere 53 (57 – 61) m.

Continuare a legaccio fino a 16 (20, 24) cm dall’inizio della manica.
Ora passare su un filo o una spilla le prime ed ultime 4 maglie.
Mettere le restanti maglie della manica in attesa su un secondo filo o una spilla attesa maglie.
Lavorare la seconda manica nello stesso modo.

Unione del lavoro:
31 (24 – 36) dir, passare le prossime 8 maglie su un filo o una spilla, riprendere e lavorare le maglie della prima manica, 56 (62 – 68) dir per il dietro, passare le prossime 8 maglie su un filo o una spilla, riprendere e lavorare le maglie della seconda manica, 31 (34 – 36) dir. 208 (228 – 246) maglie sul ferro
Prossimo ferro a dir, inserendo i marcatori in modo da segnare ogni sezione: davanti – manica – dietro – manica – davanti
Prossimo ferro sul dir del lavoro , si inizieranno le diminuzioni per le raglan, le quali si eseguiranno su ogni ferro sul dir del lavoro, seguendo le seguenti istruzioni:
(lavorare fino a 3 maglie dal M, 2 ins, 1 dir, pass M, 1 dir, 2 ins) ripetere quanto tra parentesi per ogni marcatore, quindi terminare il ferro lavorando le maglie del dav sinistro (8 maglie diminuite)
Lavorare 2 (4 – 8 ) ferri , diminuendo , sempre sul dir del lavoro, come sopra indicato
Prossimo ferro : 2 dir, 2 ins, gett, gett, (per l’ultima asola) , quindi continuare il ferro lavorando le diminuzioni delle raglan come indicato.
Proseguire a legaccio per 4 ferri, terminando con un ferro sul rov del lavoro.
Prossimo ferro sul dir del lavoro : intrecciare7 (9, 9) maglie all’inizio dei prossimi 2 ferri , per la scollatura 154 (162, 164) m.
Lavorare 1 ferro a dir
Prossimo ferro sul dir del lav :
Diminuire 1 maglia, alla fine e all’inizio di questo ferro e di ogni prossimo ferro sul dir del lavoro, ( sempre continuando a lavorare le diminuzioni previste per le raglan, queste diminuzioni sono in aggiunta alle diminuzioni previste per le raglan ) fino ad avere 5 maglie per il davanti e terminando con un ferro sul rov del lavoro. (10 maglie diminuite , per le diminuzioni all’inizio del ferro : 1 dir, 2 ins, alla fine del ferro 2 ins, 1 dir)
Prossimo ferro sul dir del lavoro : 1 dir, 3 ins, 1 dir, pass M, continuare a dir passando i M fino alle ultime 5 m, 1 dir, 3 ins, 1 dir
Un ferro a dir
Prossimo ferro sul dir del lavoro: 1 dir, 2 ins, pass M, continuare a dir passando i M fino alle ultime 3 m, 2 ins, 1 dir.
Prossimo ferro: a dir togliendo il primo e l’ultimo M (lasciare i M tra le maniche e il dietro)
Prossimo ferro: (1 dir, 2 ins, dir fino a 3 m dal M, 2 ins, 1 dir), ripetere quanto tra parentesi ancora 2 volte (6 maglie diminuite).
Prossimo ferro : dir
Ripetere queste ultimi due ferri fino ad avere 42 (44-46) m, 11 maglie per ogni manica, e 20 (22-24) maglie per il dietro
Prossimo ferro : 1 dir, (2ins) x 5 volte, togliere M, lavorare il dietro, togliere M, (2 ins) x 5 volte, 1 dir. Tagliare il filo , 32 (34, 36) maglie sul ferro.
Lasciare queste maglie in attesa.

Volant per il collo: con la lana di contrasto e i ferri più piccoli, riprendere dall’intero collo 88 (98 -100) m, incluse le maglie intrecciate per la scollatura e lavorare come spiegato nel Volant superiore

Volant per le maniche * : con la lana di contrasto e i ferri a doppia punta , riprendere e lavorare a dir 1 m per ogni maglia avviata e lavorare come spiegato nel Volant per la manica

Volant per l’orlo = con la lana di contrasto e i ferri più piccoli, riprendere 1 maglia per ogni maglia avviata e lavorare come spiegato nel Volant inferiore, terminato il quale lavorare e procedere come spiegato per Volant superiore

Cucire i sottomanica a punto maglia, cucire i bottoni in corrispondenza delle asole.

Condividi se ti piace
Pubblicato il

Una giacca per tutte le stagioni

DSCF4340_medium2

Mi è piaciuta subito questa bella giacca per una ragazzina, come sta diventando Chiara. Realizzata con una lana e ferri piuttosto grossi diventa un capo perfetto per l’autunno o la primavera, a seconda del colore scelto. In cotone leggero invece può essere un capo perfetto per le prime sere estive fresche.

DSCF4350_medium2

Volendo si possono apportare piccole modifiche personali al modello, come l’abbottonatura completa invece che con solo 2 bottoni, le maniche a tre-quarti o lunghe fino al polso, la lunghezza totale del modello a piacere.

b2b5_medium

Trovo molto bella la semplicità dei punti utilizzati, la grana di riso per il grande bordo, lo scollo quasi inesistente, che rende il tutto molto elegante anche con un abito.

b2b4_medium

 

Il modello si chiama Loren Cardigan ed è di Sara Elizabeth Schmidt e lo trovate nella sua pagina Raverly qui, anche in italiano! Traduzione della bravissima Barbara Ajroldi.

Condividi se ti piace
Pubblicato il

Un giacchino particolare


15-1 E’ questo modello di Drops Design che presenta una costruzione molto particolare. E’ realizzato in due pezzi, che vengono poi uniti sul dorso.

Si parte però dal polso di una manica, aggiungendo in seguito un certo numero di maglie per il dorso (metà) e nel contempo degli aumenti dall’altro lato per la metà del davanti.

download

 

 

 

 

 

 

 

 

Si forma poi la sagomatura per lo scollo, lasciando le maglie del dorso in sospeso e continuando  solo sul davanti.

download (1)

 

 

 

 

 

 

In seguito si realizza l’altro lato specularmente, ricordandosi di inserire gli occhielli su uno dei due lati. Infine si cuciono le due parti sul dorso, il sotto manica e sui fianchi.

 

download (2)

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavorato tutto a legaccio ha il vantaggio di poter essere indossato da entrambi i lati, e quindi facilmente adattato a maschietti o femminucce.

Qui trovate le istruzioni dettagliate di Dropsdesign.

 

finito

 

 

Condividi se ti piace
Pubblicato il

Punto intrecciato per questo cardigan

Interessante questo lavoro trovato su Raverly di OGE Knitwear Designs per il punto lavorato a intreccio dei bordi. Anche il corpo del cardigan è inusuale, con la maglia diritta lavorata ritorta per creare un effetto intreccio anche lì. Molto adatto ad una ragazzina come quella della fotografia, è proposto in taglie dai 3 mesi fino ai 7 anni e quello del modello in cotone, ma niente ci vieta di realizzarlo anche in lana.
Il pattern, a quanto pare per niente complicato e adatto per medie ed esperte knitter, è a pagamento, e lo trovate QUI.

 

Condividi se ti piace
Pubblicato il

Cardigan semplice per maschietto

giacchino_medium2

Da tempo avevo messo da parte questo cardigan azzurro cielo con la righina bianca, che mi era piaciuto molto, così semplice ma elegante. Ho trovato il modello sul sito di Phildar, ma eseguito ancora in modo tradizionale, cioè prima la schiena, i due davanti, le maniche. Dato che odio cucire, lo dico sinceramente e non credo di essere l’unica, ho pensato di realizzarlo a modo mio a top-down. Così ho fatto il calcolo per stabilire quanto maglie dovevo montare. Partendo dalla misura del modello delle maglie di arrivo per chiudere lo scollo, ho aggiunto le maglie per le spalle (dato che sarebbero state a raglan e non a giro come nella foto) ottenendo per i 12 mesi 80 maglie di partenza, così suddivise: 32m. per il dorso, 19 + 19 per i due davanti, 5 + 5 per l’inizio spalla. Ho poi aggiunto 4 m. per ogni davanti per fare un bordo per i bottoni e gli occhielli. Quindi in totale ho montato 88 m. con filato merino e ferri circolari no. 3,5

cardigan-righe_medium2

Ho fatto tre giri a legaccio con la lana bianca, poi ho inserito i Marcatori come detto sopra e continuando a maglia rasata con la lana pervinca ho iniziato gli aumenti, uno prima e uno dopo il M., mantenendo 4 m. a legaccio sia all’inizio che alla fine del fetto per il bordo.

Ho fatto 12 ferri azzurri e due ferri in bianco, per un totale di 42 f. (21 aumenti) poi ho lasciato in sospeso il corpo terminando prima le maniche in piano (che poi ho cucito…), in seguito ho ripreso le maglie lasciate in sospeso e ho terminato il tutto per una lunghezza totale di cm. 27 circa.

cardigan-finito

Ora manca solo di acquistare i bottoni.

Ed ecco il risultato finale, indossato dal destinatario che pare soddisfatto:

cardigan-righe

Condividi se ti piace
Pubblicato il

vacanze

Sono stata un po’ assente dal mio blog in questi ultimi mesi, e mi scuso con le mie lettrici più affezionate che mi seguono. A parte il periodo estivo (si fa per dire, vista l’estate fredda e piovosa che abbiamo avuto qua!) durante il quale si passa più tempo fuori all’aperto che in casa seduti al computer, sono stata anche occupata con la mia precedente attività di webmaster. Ho realizzato ben tre siti web! Il primo di un’agenzia di comunicazione attiva in particolare nel settore di eventi benefici; il secondo per un albergo cittadino; il terzo infine, ed è quello che mi è piaciuto di più realizzare, per una brava artista pittrice: www.giuliafonti.com
Andata a guardare i suoi dipinti, le sue opere, e ditemi se non è bravissima! In particolare mi piace la sezione degli “angeli di stoffa”, piccoli collage che ha realizzato seduta accanto al letto della figlia malata, per aiutarla a passare il tempo. Alla fine sono diventati un libro, decorando con la loro grazia poesie di un’altra bravissima artista, una poetessa. Il libro è in vendita sul sito, se a qualcuno interessasse.

Detto questo, passiamo ad altro, o meglio torniamo alla maglia. Non sono stata con le mani in mano comunque, e attualmente sto realizzando un maglione per me. Poi ho già in programma un golfino per Tobia, il mio nipotino che ora ha 7 mesi e cresce come un piccolo lupetto. Già mi è capitato di allungargli un maglioncino che la mamma distratta aveva dimenticato nel cassetto ed era diventato piccolo prima ancora che lo indossasse.

Ho avuto la fortuna di trovare ancora un gomitolo della lana arancione dello stesso bagno, ma non avendone più di quella marrone per rifare la stessa rigatura, ho optato per crescere le righe arancioni di un giro per ogni gruppo. Il risultato non è male, vero?

Lo ammetto, adoro le righe. Di tutti i generi, larghe o strette, regolari o no, a due colori o a più colori come in questo delizioso cardigan di Phildar:

cardigan-righePurtroppo il modello si riceve solo acquistando la lana da Phildar, che è per la maggior parte acrilica. Io non compro mai da loro, inoltre le spese di spedizione per la Svizzera sono inaccettabili! Ma il cardigan non è diffiicile, questo della foto è realizzato in modo tradizionale, iniziando dalla schiena, poi i due davanti e infine le maniche. Io lo farei a top-down, perché ormai sono votata a questo metodo, che trovo molto pratico in particolare per fare capi per bambini in quanto si può allungare facilmente se crescono troppo in fretta!

Condividi se ti piace
Pubblicato il

Completino elegante per lui o lei

003a_medium2

 

Sempre di questo OGE Knitwear Designs il completino pantaloncino con cardigan chiuso da un solo bottone, femminile nelle rifiniture a treccia, che potete rendere più maschile cambiandole con un bordo a coste o con un altro disegno.
Da indossare quando volete dare la priorità all’eleganza piuttosto che alla praticità, magari per andare dal dottore, o in visita alla nonna o ai suoceri…

009a_medium2

O anche per il battesimo in versione moderna, con una bella camicina elegante sotto ai pantaloncini:

009a__2__medium2

Qui è proposto con il filato baby bliss cashmerino, nelle taglie 0-6 mesi e 6-12 mesi per i pantaloni, e 0-3 mesi, 6-9 mesi, 9-12 mesi per il cardigan.
Anche questo giacchino è un bottom-up, ma credo che si possa trasformare facilmente in un top-down, per chi ormai mastica bene questa tecnica di lavorazione. In questo caso però attenzione alla direzione delle trecce, che partendo dall’altro sono da modificare.

Condividi se ti piace
Pubblicato il

Per lei una giacca a 3/4

010a_medium2

 

Se fossi una bambina lo vorrei senz’altro! In questo colore, rosa polvere, con quella linea doppiopetto e appena svasata che lo rende “giacca” importante e non un semplice cardigan. Si può realizzare in cotone per le fresche sere d’estate, oppure con una bella lana merino, che non sia troppo pesante da portare in primavera con dei leggins o dei pantaloni leggeri.

014a_medium2

Purtroppo il modello è a pagamento, lo trovate su Ravelry ed è di OGE Knitwear Designs. E’ dato nelle taglie 12-18 mesi e 18-24 mesi e si lavora bottom-up, partendo quindi dal basso in modo tradizionale.

Condividi se ti piace